Atlante Anfibi e Rettili del Trentino

E’ ufficialmente iniziata la raccolta dati per realizzare il nuovo ‘Atlante degli Anfibi e dei Rettili del Trentino’ curato dalla sezione di Zoologia dei Vertebrati del MUSE – Museo delle Scienze di Trento!

Lo scopo è di aggiornare la lista e la distribuzione delle specie di anfibi e rettili che popolano la provincia di Trento dopo quasi vent’anni dalla pubblicazione dell’ultimo Atlante (scarica qui). I risultati, basati su tre anni di raccolta dati, costituiranno la base per valutare lo stato di conservazione di queste specie a livello locale e contribuiranno al nuovo Atlante degli Anfibi e dei Rettili d’Italia curato dalla Societas Herpetologica Italica (SHI) e all’aggiornamento delle conoscenze sulla Rete Natura 2000.

Le osservazioni di tutti noi possono rivelarsi un fondamentale aiuto alla ricerca. ph. Karol Tabarelli de Fatis

Ma per fare questo abbiamo bisogno del Tuo aiuto! Il territorio della provincia è esteso, i mesi favorevoli per osservare anfibi e rettili sono limitati e con pochi rilevatori la raccolta dati risulterebbe insufficiente.

Diventare un rilevatore e contribuire all’Atlante è molto semplice. Basta uno smartphone o una macchina fotografica, registrare alcune informazioni e condividere con noi l’osservazione!

Le osservazioni che ci farai pervenire dovranno tutte essere complete di fotografia/e (per permettere ai nostri esperti di identificare correttamente la specie) e di coordinate GPS (se la foto viene scattata con uno smartphone ti ricordiamo di attivare il Tag GPS dalle impostazioni della fotocamera). Se non ti è possibile registrare le coordinate, ti chiediamo di definire la località nella maniera più dettagliata possibile.

Per condividere la tua osservazione con noi puoi scegliere tra le seguenti opzioni:

Per qualsiasi altra informazione non esitare a contattarci all’indirizzo anfibi.rettili@muse.it

POST COLLEGATI

Monitorare l’erpetofauna con i rifugi artificiali

Monitorare l’erpetofauna con i rifugi artificiali

a cura di Giovanni Zanfei, Antonio Romano e Karol Tabarelli de Fatis I rettili, assieme agli anfibi, sono i vertebrati più minacciati a livello globale. Inoltre, data la loro marcata sensibilità alle alterazioni ambientali e l’elevata specializzazione ecologica, anche se poco studiati, questi animali possono fornire importanti dati ecologici come bioindicatori. Alla luce di questi...prosegui ...
Progetto ACQUAVIVA: monitoraggio innovativo della biodiversità

Progetto ACQUAVIVA: monitoraggio innovativo della biodiversità

Creare una base di conoscenze su cui fondare pratiche di gestione sostenibili per gli ambienti acquatici della Riserva di Biosfera UNESCO Alpi Ledrensi e Judicaria. È questo l’obiettivo finale del programma di ricerca “ACQUAVIVA – Acqua e Vita”, che in questi mesi sta portando i ricercatori del Centro Ricerca e Innovazione della Fondazione Edmund Mach...prosegui ...
Atlante Anfibi e Rettili della provincia di Trento, stagione di campo 2019

Atlante Anfibi e Rettili della provincia di Trento, stagione di campo 2019

Per il progetto Atlante Anfibi e Rettili della provincia di Trento è di nuovo tempo di radunare le forze e dare inizio al terzo anno di raccolta dati! Fino ad oggi, la collaborazione tra studiosi, appassionati o semplici cittadini (citizen science), accomunati dalla voglia di contribuire con le proprie osservazioni all’ampliamento qualitativo e quantitativo delle...prosegui ...
Geco di Kotschy (Mediodactylus kotschyi): primo dato per il Trentino/Alto Adige

Geco di Kotschy (Mediodactylus kotschyi): primo dato per il Trentino/Alto Adige

Risale a maggio 2018 la prima segnalazione di geco di Kotschy (Mediodactylus kotschyi, Steindachner, 1870) per la regione Trentino/Alto-Adige. L’animale è stato rinvenuto ad una trentina di chilometri a Nord di Trento, nel comune di Mezzolombardo. Il ritrovamento dell’esemplare, ferito alla coda e ad un arto, è avvenuto nel magazzino di un negozio di vasellame...prosegui ...