Cambiamenti climatici

Le potenziali minacce alla biodiversità alpina, derivanti da cambiamenti ambientali sia climatici che di cambiamenti di uso del suolo, vengono analizzate attraverso un approccio che prevede la raccolta di dati con campionamenti mirati lungo gradienti altitudinali, la definizione di modelli specie-ambiente per comprendere l’effetto di parametri ambientali e climatici sulle specie alpine, la valutazione dei possibili effetti dei cambiamenti previsti a causa di fattori quali riscaldamento climatico, variazioni nella gestione o nell’utilizzo antropico degli habitat. Questo approccio è integrato con attività di revisione della letteratura scientifica sull’argomento e con valutazioni condotte tramite expert opinion.

Le attività di ricerca sull’argomento sono svolte con uno sguardo allargato a tutta la realtà alpina, grazie alla collaborazione con l’Università di Torino, l’Università di Pavia, l’Università di Milano, l’Università di Berna, la Stazione ornitologica svizzera (Vogelwarte/Sempach) e l’European Snowfinch Group. Anche il Parco Naturale Paneveggio – Pale di San Martino ed il Parco Nazionale dello Stelvio sono parte attiva della ricerca, mentre associazioni come CAI/SAT e gestori di rifugi alpini sono in diversi modi coinvolti nelle attività svolte.

I cambiamenti climatici sono una delle principali minacce per la biodiversità a scala globale ed una delle più frequenti cause di declino per numerose specie animali legate agli ambienti alpini. Le attività umane e le loro variazioni interagiscono con gli effetti dei cambiamenti climatici, spesso aggravandone l’impatto, come avviene nel caso di sfruttamento non sostenibile delle foreste, abbandono di pascoli, sviluppo di attività turistico-ricreative che arrecano grave disturbo diretto alle specie o causano alterazioni importanti degli habitat.

 

Fringuello Alpino / White-winged snowfinch - Montifringilla Nivalis. Mauro Mendini, Arch. MUSE

Il fringuello alpino (Montifringilla nivalis) è una delle specie target degli studi della Sezione. ph. Mauro Mendini/Arch. MUSE

 

La sezione Zoologia dei Vertebrati è uno dei gruppi di ricerca più attivi in Italia su questo tema (sul quale sta portando avanti anche un Dottorato di ricerca con l’Università di Pavia), così attuale e rilevante per la conservazione a scala alpina. Le ricerche svolte hanno principalmente lo scopo di descrivere e comprendere gli effetti dei cambiamenti climatici ed ambientali sull’avifauna alpina e di proporre nuove, efficaci strategie per la loro conservazione.

 

Pubblicazioni recenti:

  • Brambilla M., Pedrini P., Rolando A. and Chamberlain D.E. 2016. Climate change will increase the potential conflict between skiing and high-elevation bird species in the Alps. J. Biogeogr. 1365-2699;
  • Chamberlain, D.E., Brambilla, M., Caprio, E. Pedrini P. and Rolando A., (2016). Alpine bird distributions along elevation gradients: the consistency of climate and habitat effects across geographic regions. Oecologia 181(4): 1139-1150
  • Chamberlain D.E., Pedrini P., Brambilla M., Rolando A. and Girardello M. 2016. Identifying key conservation threats to Alpine birds through expert knowledge. PeerJ, 4: e1723; DOI 10.7717/peerj.1723
  • Brambilla, M., Cortesi, M., Capelli, F., Chamberlain, D., Pedrini, P., & Rubolini, D. (2017). Foraging habitat selection by Alpine White-winged Snowfinches Montifringilla nivalis during the nestling rearing period. Journal of Ornithology, 158(1), 277-286.
  • Brambilla, M., Caprio, E., Assandri, G., Scridel, D., Bassi, E., Bionda, R., Celada, C., Falco, R., Bogliani, G., Pedrini, P., Rolando, A. & Chamberlain D. 2017. A spatially explicit definition of conservation priorities according to population resistance and resilience, species importance and level of threat in a changing climate. Diversity and Distributions, 23:727-738.
  • Scridel, D., Bogliani, G., Pedrini, P. , Iemma, A., von Hardenberg, A. & Brambilla, M. 2017. Thermal niche predicts recent changes in range size for bird species. Climate Research, 73:207-216
  • Scridel, D., Brambilla, M., Martin, K., Lehikoinen, A., Iemma, A., Anderle, M., Jähnig, S. Caprio, E., Bogliani, G., Pedrini, P., Rolando, A., Arlettaz, R. & Chamberlain, D.E. 2018. A Review and Meta-Analysis of the Effects of Climate Change on Holarctic Mountain and Upland Bird Populations. Ibis, doi: 10.1111/ibi.12585.
  • Brambilla, M., Resano-Mayor, J., Scridel, D., Anderle, M., Bogliani, G., Braunisch, V., Capelli, F., Cortesi, M., Horrenberger, N., Pedrini, P., Sangalli, B., Chamberlain, D., Arlettaz, R. & Rubolini, D. 2018. Past and future impact of climate change on foraging habitat suitability in a high-alpine bird species: management options to buffer against global warming effects. Biological Conservation, 221: 209-218.

POST COLLEGATI

FRINGUELLO ALPINO E AMBIENTI D’ALTA QUOTA: nuova fase della ricerca al via

Come più volte raccontato nel nostro blog, dal 2016 il MUSE si occupa, in collaborazione con diverse entità nazionali ed internazionali, dello studio dell’ecologia e demografia del fringuello alpino, un passeriforme strettamente legato all’alta quota e pertanto considerato un indicatore efficace degli effetti dei cambiamenti climatici su questi ambienti. Tra le diverse attività intraprese in...prosegui ...

FRINGUELLO ALPINO E CAMBIAMENTI CLIMATICI: RIPRENDONO LE ATTIVITÀ

A cura di Mattia Brambilla e Severino Vitulano Con l’arrivo dell’estate, riprendono anche le indagini in alta quota. I ricercatori del MUSE, in collaborazione con il Parco Nazionale dello Stelvio – settore lombardo e gli inanellatori di Studio Pteryx (S. Vitulano) hanno infatti ripreso le attività del progetto dedicato ai cambiamenti climatici e alla biologia...prosegui ...

Tre pernici un unico clima

Proseguono le ricerche della Sezione di Zoologia dei Vertebrati dedicate agli effetti dei cambiamenti climatici sull’avifauna. La Facoltà di Scienze Forestali della British Columbia (Canada) e il MUSE-Museo delle Scienze di Trento hanno infatti da poco unito le loro forze per indagare l’impatto del riscaldamento globale su tre specie di pernici presenti nella Columbia Britannica....prosegui ...

Le interazioni tra specie in un clima che cambia

Le interazioni tra specie svolgono un ruolo cruciale nel determinare la presenza delle specie e le caratteristiche delle comunità biologiche. Comprendere queste interazioni è quindi fondamentale per prevedere correttamente la risposta delle specie ai cambiamenti climatici. La ricerca, condotta insieme a numerosi ricercatori provenienti da altre regioni dell’arco alpino e basata su migliaia di dati...prosegui ...