Collezioni

Le collezioni di vertebrati del Museo delle Scienze comprendono più di 11.000 reperti, appartenenti in prevalenza alle classi di uccelli e mammiferi. Di essi, 4.000 esemplari sono stati raccolti tra il 1850 e il 1950; i rimanenti sono frutto di recenti acquisizioni dovute a specifiche campagne di ricerca, donazioni e acquisti. Risulta particolarmente cospicua la porzione relativa ai piccoli mammiferi, che si compone di 6000 insettivori e roditori. Per ciò che concerne la provenienza, le collezioni dimostrano nel loro complesso uno stretto legame con il territorio locale e costituiscono un’importante documentazione della diversità zoologica del Trentino e delle sue variazioni nel tempo.


POST COLLEGATI

A proposito delle recenti osservazioni di storni rosei in Trentino

Nel mese di maggio il Trentino, alla stregua di altre regioni italiane (dal Veneto, all’arcipelago delle Tremiti) e Paesi europei (Austria, Svizzera, Francia meridionale, Gran Bretagna, Catalogna), è stato interessato da un appariscente e consistente irruzione di storni rosei – Pastor roseus (Linnaeus, 1758), che per alcuni giorni hanno frequentato gli ambienti dei fondivalle utilizzandoli...prosegui ...