Specie ornitiche degli ambienti umidi

Le attività di ricerca e monitoraggio delle comunità ornitiche nelle principali zone umide del Trentino studio hanno l’obiettivo di: i) valutare lo stato di conservazione delle specie  nidificanti e dei loro habitat; ii) valutare la presenza di specie minacciate, inserite nella Lista Rossa degli Uccelli e delle specie di rilevante valore ecologico e conservazionistico, come definite nell’AZIONE A3 e A8 (Linee guida per la Conservazione dell’Avifauna degli ambienti Umidi); iii) avviare il piano di monitoraggio delle specie della Direttiva Uccelli All. I.

I censimenti sono effettuati lungo percorsi campione, che presentano andamento per lo più lineare, visitati 2 o 3 volte durante le prime ore del giorno, nel corso della stagione riproduttiva (da metà maggio a inizio luglio), e ripetuti in anni differenti. Sono conteggiate tutte le specie target e, quando possibile anche altre specie presenti e registrati tutti i fattori potenzialmente importanti nel determinare la contattabilità delle specie (data, ora, condizioni meteo, eventuali elementi di disturbo).

 

Martin pescatore (Alcedo atthis). Ph. Michele Mendi – Arch. MUSE.

 

I monitoraggi condotti nel 2015 e 2016 nelle aree protette del Trentino hanno evidenziato un peggioramento ecologico delle aree umide, dimostrato dal generale calo delle specie target e la conseguente necessità di avviare una pianificazione in rete di tutte le aree umide protette e di migliorare la qualità degli ambienti ad essi circostanti.