Chi siamo

Conservatore responsabile

Paolo Pedrini

Sono laureato in Scienze Naturali con specializzazione post-universitaria in Conservazione della Natura e Pianificazione Ecologica del Territorio. Dal 1995 sono Conservatore responsabile della Sezione di Zoologia dei Vertebrati del MUSE, conducendo e coordinando studi e progetti di ricerca su: distribuzione ed ecologia dei vertebrati sulle Alpi, studi intensivi di popolazione a scala locale e alpina, conservazione e gestione. Partecipo a programmi di monitoraggio di specie minacciate indicatrici della qualità ambientale (rapaci diurni e notturni, Progetto BIODIVERSITÀ, LIFE +TEN) e della migrazione degli Uccelli attraverso le Alpi (Progetto Alpi). ​Contribuisco ai programmi di monitoraggio della PAT per documentare e conservare la biodiversità (Rete Natura 2000, Foreste e Agricoltura) e per la Pianificazione faunistica (Piano faunistico PAT; Rete ecologica PAT). ​Faccio inoltre parte del team operativo del Progetto LIFE Wolfalps EU, partito nel 2019.

Profilo ResearchGate      mail: paolo.pedrini@muse.it


Tecnici MUSE

Maria Chiara Deflorian

Ho conseguito la laurea in Scienze Naturali presso l’Università degli Studi di Pavia nel 2000 e nel 2004 ho ottenuto un master in Museologia Naturalistica presso l’Università degli Studi​ di Padova. Lavoro presso il MUSE dal 2000, occupandomi principalmente della gestione, conservazione​ e catalogazione delle collezioni scientifiche, in particolare di quelle dei vertebrati. Svolgo anche attività di laboratorio per il riconoscimento di indici di presenza dei mammiferi, partecipo all’organizzazione di mo​​stre temporanee e altre attività per il pubblico e collaboro alle attività di ricerca della Sezione di Zoologia dei Vertebrati.

mail: mariachiara.deflorian@muse.it

Francesca Rossi

Ho ottenuto la laurea in Scienze Forestali presso l’Università degli Studi di Firenze e l’abilitazione all’esercizio della professione di Dottore Agronomo e Forestale nel 1998. Dal 2001 collaboro con la Sezione di Zoologia dei Vertebrati, partecipando alle attività di ricerca in ambito ornitologico e alla didattica. In questo contesto, insieme a Stefano Noselli, gestisco sul campo la Stazione di Inanellamento “Passo del Brocon” nell’ambito del Progetto Alpi; dello stesso Progetto gestisco la Segreteria e partecipo alla redazione dei report annuali. Collaboro all’attività di consulenza svolta per i Servizi della Provincia Autonoma di Trento nell’ambito di richieste su: database faunistici, status e fenologie delle specie faunistiche di rilevante valore conservazionistico; valutazione del valore naturalistico di alcune zone e relative problematiche gestionali. L’attività di consulenza riguarda anche la Rete Natura 2000. Dal 2013 mi occupo della gestione degli acquari del MUSE.

mail: francesca.rossi@muse.it 

Karol Tabarelli de Fatis

Nato e cresciuto in Trentino. Attivo “museologicamente” parlando sin dall’età pediatrica, dal 2013 nel  ruolo di Assistente tecnico scientifico​ occupa le posizioni più fluide​, passando da social media content provider per il settore Comunicazione e promozione alle attività di monitoraggio più tipiche del naturalista (rilevatore abilitato IWC). È autorizzato all’esercizio dell’Imbalsamazione e della Tassidermia dalla Provincia autonoma di Trento e impegnato nell’implementazione della collezione osteologica del museo. Docente presso l’Utetd (Ambito Scienze Naturali, C​orso di B​irdwatching​). Fuori dal MUSE propugna la sua passione naturalistica come membro dei consigli direttivi ​dell’Associazione​ per il WWF Trentino e della SSNT​. Crede fermamente nel valore della citizen science (e dell’open access), contribuendo come Admin, ai ​progetti Alpwatch  e Atlante Anfibi e Rettili del Trentino su​ piattaforma iNaturalist.

mail: karol.tabarelli@muse.it


Mediazione e comunicazione scientifica

Chiara Fedrigotti

Mi sono laureata in Ecologia ed Evoluzione presso l’Università degli Studi di Ferrara nel 2015, e nel 2017 ho completato il master Interateneo in “Gestione e conservazione dell’ambiente e della fauna” presso l’Università degli Studi di Parma. Da qualche anno mi interesso alle dinamiche che regolano l’evoluzione del paesaggio alpino e ai loro effetti sulle specie animali, con particolare riferimento al processo di rinaturalizzazione e alle relazioni uomo-ambiente. Tra il 2016 e il 2017 ho prestato Servizio Civile presso il MUSE, con il progetto “Paesaggi da lupi”, dedicato alla presenza storica dei grandi carnivori nel Trentino meridionale. Da giugno 2017, collaboro con la Sezione di Zoologia dei Vertebrati, seguendo le attività sul territorio (Reti di Riserve) e gli aspetti della divulgazione scientifica.

mail: chiara.fedrigotti@muse.it


Ricercatori a progetto

AVIFAUNA E CAMBIAMENTI GLOBALI

MATTIA BRAMBILLA
Laureato in Scienze Naturali con una tesi sull’ecologia del pellegrino nell’aprile 2003, presso l’Università degli Studi di Milano, dove ho conseguito il dottorato di ricerca (2007) con una tesi dedicata a evoluzione e speciazione in Sylvia cantillans, che ha dimostrato comprendere più specie distinte. Particolarmente interessato a ecologia e conservazione di specie ornitiche, evoluzione e filogeografia, attualmente lavoro soprattutto su temi inerenti la conservazione, come biodiversità in ambienti agricoli, effetti dei cambiamenti climatici e relativo adattamento, ecologia e conservazione di specie minacciate, piani di monitoraggio e reti ecologiche. Autore di 66 articoli su riviste internazionali (ISI-ranked; 45 come primo autore; maggio 2017).

Profilo ResearchGate      mail: brambilla.mattia @gmail.com

Davide Scridel – Assegno di ricerca MUSE

Ecologo di formazione, ho conseguito nel 2019 un dottorato di ricerca sulla tematica dei cambiamenti climatici in contesti alpini presso l’Università degli Studi di Pavia e il MUSE. Ho trascorso 9 anni in Regno Unito, dove ho ottenuto una laurea triennale (Anglia Ruskin University) e specialistica (Imperial College London). Per quattro anni ho svolto mansioni come Conservation Scientist, Policy Officer e Field Surveyor presso la Royal Society for the Protection of Birds (RSPB), lavorando su diversi gruppi tassonomici (flora, invertebrati, uccelli) ed habitat sia in Scozia (brughiere ed habitat marino-costieri) che in Inghilterra (foreste, ambienti agricoli e zone umide). Attualmente sono assegnista post-doc presso l’University of British Columbia (Canada) – MUSE, per attività di ricerca inerenti agli impatti dei cambiamenti climatico-ambientali sull’avifauna dei sistemi montuosi nord americani ed europei.

mail: davide.scridel@muse.it

ECOLOGIA QUANTITATIVA

Valentina Oberosler – Assegno di ricerca MUSE

Ho conseguito la Laurea Magistrale in Scienze e Gestione della Natura presso l’Università di Bologna nel 2016, con una tesi sull’ecologia di mammiferi alpini. Tra il 2015 e il 2016 ho prestato Servizio Civile presso il MUSE, collaborando alla creazione di un progetto di monitoraggio faunistico mediante foto-trappole in Trentino occidentale. Nel 2020 ho concluso il dottorato di ricerca in Scienze dell’Ambiente presso l’Università di Pavia e il MUSE. Filo conduttore del mio lavoro sono stati l’utilizzo di dati da foto-trappolaggio e l’applicazione di modelli gerarchici, preferibilmente in un framework analitico bayesiano, per lo studio e la conservazione di specie e comunità di mammiferi di diversi contesti ecologici. Attualmente sto approfondendo queste tematiche come assegnista di ricerca presso il MUSE, mantenendo il focus sull’ecologia di grandi mammiferi, dall’orso bruno al leopardo delle nevi.

Profilo ResearchGate    mail: valentina.oberosler@muse.it

ERPETOFAUNA Natura 2000

Antonio Romano – Assegno di ricerca MUSE

Laureato in Scienze Naturali e Dottore in Biologia evoluzionistica ed Ecologia. Dal 2008, sono consulente (assessor) della IUCN per l’erpetofauna italiana e dal 2012 membro della commissione per la redazione della Lista Rossa dell’erpetofauna italiana. Delegato del Ministero dell’Ambiente a rappresentare l’Italia nell’aggiornamento della Convenzione di Berna; socio della Societas Herpetologica Italica. Per la Sezione di Zoologia dei Vertebrati mi occupo del coordinamento del gruppo di lavoro erpetologico: seguo rilievi, monitoraggi e studi ecologici e demografici su Salamandra atra atra, S.a.aurorae e Bombina variegata, i censimenti di Anfibi e Rettili in Provincia di Trento e la progettazione per il miglioramento e potenziamento degli habitat acquatici artificiali (fontanili-abbeveratoio, vasche, pozze per l’abbeverata) per la coniugazione del patrimonio rurale e la tutela della biodiversità.

Profilo ResearchGate    mail: antonioromano71@gmail.com

GRANDI CARNIVORI

Giulia Bombieri – PostDoc Progetto WOLFALPS

Ho conseguito la Laurea Triennale in Scienze Naturali presso l’Università di Padova e la Laurea Magistrale in Etologia presso l’Università di Torino. Ho concluso nel 2019 il dottorato di ricerca presso la Universidad de Oviedo-UMIB in partenariato con il MUSE. Le mie ricerche si sono focalizzate soprattutto sulle dinamiche che caratterizzano gli attacchi di grandi carnivori all’uomo a livello mondiale, ma ho anche preso parte a studi di ecologia e comportamento dell’orso bruno, insieme al gruppo di ricerca di cui tuttora faccio parte (CANTABRIAN BROWN BEAR RESEARCH GROUP). Attualmente sono assegnista post-doc presso il MUSE (in collaborazione con il Settore Grandi Carnivori della PAT e il CSIC -UMIB, Spagna), dove mi occupo di analisi di Human Dimension e coesistenza con i grandi carnivori nelle Alpi e in Europa, nell’ambito del progetto Life WolfAlps EU.

Profilo ResearchGate       mail: giuliapan91@gmail.com


Tecnici a progetto

MONITORAGGI ANFIBI natura 2000 E SPECIE ALIENE

Sonia Endrizzi

Mi sono laureata in Scienze Naturali nel 2007 presso l’Università di Bologna, dove successivamente ho ottenuto un master in Conservazione e Gestione del Patrimonio Naturale nel 2011. Durante gli studi ho svolto tirocini nell’ambito di habitat acquatici presso ISMAR-CNR, il Dipartimento di Zoologia dell’Università di Oxford (UK), il MUSE e la Fondazione Edmund Mach e sono stata volontaria LIPU. Dopo gli studi ho lavorato congiuntamente con la Sezione di Idrobiologia della Fondazione Edmund Mach e l’Università di Milano Bicocca conducendo studi sullo stato e la genetica di gamberi nativi e alieni, sugli effetti delle centrali idroelettriche e l’impatto dell’agricoltura sugli ambienti acquatici in Trentino. Dal 2013 collaboro con la Sezione di Zoologia dei Vertebrati, monitorando specie minacciate e specie aliene invasive in ambiente acquatico, stilando line guida e piani d’azione per la conservazione (progetto Life+T.E.N.).

mail: sonia.endrizzi@muse.it

MONITORAGGI AVIFAUNA Natura 2000 E PROGETTO ALPI

Franco Rizzolli

Ho ottenuto una laurea in Scienze Naturali presso l’Università degli Studi di Padova, con una tesi in Idrobiologia. Collaboro con la Sezione di Zoologia dei vertebrati per quel che riguarda monitoraggi e censimenti faunistici. Lavoro nella implementazione di database GIS. Sono autore di diversi articoli su riviste nazionali ed internazionali, concernenti principalmente l’ecologia riproduttiva di uccelli rapaci, la migrazione dei Passeriformi e lo​ svernamento degli uccelli acquatici. Ho collaborato al​la stesura di piani tecnici di gestione del territorio per le aree protette della​ Provincia Autonoma di T​rento.

Luigi Marchesi

Laureato in Scienze Naturali presso l’Università degli Studi di Pavia, con una tesi su selezione del nido e biologia riproduttiva del gufo reale. Ho collaborato con vari istituti di ricerca nell’ambito di studi riguardanti la biologia di varie specie ornitiche, soprattutto rapaci notturni e diurni e picchi. Dal 2005, mi occupo della conservazione degli alberi con cavità nido realizzate dai picchi nei boschi di produzione della provincia di Trento. Abilitato all’attività di tassidermia, mi occupo anche di restauro di collezioni zoologiche museali, scolastiche e private. Sono autore di diversi articoli su riviste nazionali ed internazionali. Collaboro con la Sezione di Zoologia dei vertebrati per censimenti e studi faunistici.

AGRICOLTURA E BIODIVERSITà

Francesco Gubert

Sono un Dottore Agronomo laureato in Gestione delle Risorse Naturali presso la Bodenkultur di Vienna (2008). Mi occupo di sostenibilità delle filiere foraggero-zootecniche in contesti montani, con particolare focus sulla gestione del prato e del pascolo, le produzioni foraggere, la gestione dei reflui zootecnici e l’alpicoltura (alpeggi). Per sei anni ho lavorato nella consulenza, nella sperimentazione e nel trasferimento tecnologico presso la Fondazione Edmund Mach, collaborando tra l’altro al progetto LIFE+T.E.N. e alla stesura del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020. Attualmente esercito la libera professione, con attività di supporto tecnico e consulenza alle imprese e agli enti pubblici e privati

GESTIONE BANCHE DATI

Aaron Iemma

Sono iscritto al corso di laurea in Ingegneria per l’Ambiente ed il Territorio dell’Università di Trento. Dal 2011, grazie ad un progetto di servizio civile provinciale relativo a banche dati e biodiversità, ho iniziato a collaborare con la Sezione di Zoologia dei Vertebrati in qualità di tecnologo. Da allora mi occupo di svariati progetti che spaziano dalla creazione di sistemi di visualizzazione dati di tipo WebGIS, all’automatizzazione dello stoccaggio dei dati di biodiversità in arrivo alla Sezione. Attualmente sono anche coordinatore tecnico del progetto BioSTREAM, che mira a rendere quanto più possibile interconnessi e disponibili per la consultazione dei database regionali di flora e fauna.

mail: corylabiosphere@gmail.com

Paula Lorenzo Sanchez

Nata a Valencia (Spagna), sono sempre stata un’appassionata della montagna e della natura. Dal 2011 al 2013 ho frequentato l’International Baccalaureate ad Albacete, città dove ho abitato fino al 2013, quando mi sono spostata a Valencia per conseguire la laurea quadriennale in Fisica. L’ultimo anno di studi l’ho passato a Trento, dove mi sono specializzata in Biofisica e Cellular and Molecular Biophysics. Nel 2017 sono arrivata alla Sezione di Zoologia dei Vertebrati (MUSE) dove ho seguito un progetto di Servizio Civile sul monitoraggio e la migrazione dell’avifauna alpina. Attualmente sono collaboratrice della sezione, dove mi occupo della gestione dei diversi dataset, impiegando la mia conoscenza nella programmazione e dell’analisi dei dati.

mail: paula.lorenzo@muse.it

MONITORAGGI CHIROTTERI Natura 2000

Albatros s.r.l.

Fondata in Trento nel 1987, Albatros opera nell’ambito degli studi e delle analisi ambientali, occupandosi in particolare delle scienze naturali, della biologia e delle scienze territoriali. Fa riferimento agli apporti professionali dei suoi soci naturalisti ma anche alla collaudata collaborazione di una rete di qualificati specialisti e appassionati delle scienze della natura. Albatros è attiva in numerosi settori di lavoro connessi all’ambiente, riconducibili a tre principali ambiti operativi: ricerca scientifica; pianificazione territoriale e sviluppo sostenibile; comunicazione ambientale, educazione, formazione, exhibit.

Sito web: http://www.albatros.tn.it/it/


Dottorandi

ECOLOGIA QUANTITATIVA

Marco Salvatori – PhD Università di Firenze

Ho conseguito presso l’Università di Padova la laurea magistrale in Biologia Evoluzionistica ed Ecologia nel 2018, con una tesi sul movimento degli ungulati selvatici e la formazione delle loro aree vitali attraverso l’analisi di dati ottenuti tramite radio-tracking, svolta alla Fondazione Edmund Mach di S. Michele all’Adige (TN). Dal novembre 2019, sono dottorando presso l’Università di Firenze in partenariato con il MUSE. Il mio progetto di ricerca riguarda la raccolta e l’analisi di dati di fototrappolaggio sistematico per stimare la distribuzione spaziale e l’uso dell’habitat delle specie che compongono la comunità dei meso e macro mammiferi, con aree di studio situate sia in Italia che all’estero.

mail: marco.salvatori@muse.it


Tesisti

Nicole Trainotti – Università Ca’ Foscari Venezia

Studentessa di Scienze Ambientali all’Università Ca’ Foscari di Venezia, nel 2020 ho iniziato il mio tirocinio presso il MUSE nell’ambito del progetto LIFE WolfAlps EU. Nel mio lavoro di tesi, mi sto occupando dell’analisi di articoli di giornale riguardanti il lupo nelle regioni Veneto e Trentino Alto Adige. L’obiettivo è quello di indagare il ruolo di questo mezzo di comunicazione nell’influenzare la percezione delle persone nei confronti del Grande Carnivoro, con una particolare attenzione in merito alle ricadute in termini di gestione e conservazione della specie nelle Alpi orientali.

Claudia Viganò – Università degli Studi di Milano

Nel 2015 ho intrapreso il corso di Laurea in Scienze Naturali a Milano, portato a termine nel 2018. Durante questi anni ho approfondito svariati ambiti delle Scienze Naturali, arrivando a definire le mie passioni principali: Botanica, Ornitologia e, più di recente, la Chirotterologia. Nell’aprile 2019, ho cominciato il mio periodo di tirocinio presso il MUSE, durante il quale seguirò le attività di campo e di elaborazione dati funzionali alla stesura tesi magistrale in BioGeoscienze di Milano, a cui sono attualmente iscritta.

La ricerca si pone come obiettivo quello di studiare la biodiversità forestale in una lariceta del Parco Nazionale dello Stelvio. Più in particolare, ci si focalizzerà su due specie di picchi (verde e cenerino) e su quelle che con essi interagiscono, sfruttando le cavità da loro create.


SCUP – Servizio Civile Universale Provinciale